fbpx
Noi Stesse Al Meglio

Perché Fa Male Lamentarsi

CONDIVIDI:

Scilla di Massa spiega perché fa male lamentarsi e come superare questa abitudine, così femminile, attraverso un processo di consapevolezza e amore verso se stesse. Se sfogarsi è benefico e liberatorio, esagerare in una prolungata autocommiserazione ti logora. Mina la tua possibilità di recuperare una visione positiva di te stessa, delle tue possibilità e del tuo mondo. Il punto critico è nella ripetizione delle frasi negative su te stessa (ad es. “sono sempre sfortunata”) che a loro volta diventano profezie negative che si avverano.

Scopri come questo meccanismo neuronale si attiva e come, invece, puoi utilizzarlo a tuo vantaggio.  Per creare profezie positive che rendono la tua vita gioiosa e soddisfacente.

Lamentarsi crea dipendenza:

per un momento di sfogo, liberatorio, condizioniamo tutta la nostra vita.

Nei momenti difficili sentiamo il bisogno di sfogarci con chi ci sta vicino ed è fidato, o con un terapeuta.

Accumulare pensieri negativi ci fa star male, o semplicemente ci fa chiudere in noi stessi. Però poi bisogna rialzarsi e ricominciare.

Non è di aiuto lamentarsi continuamente, autocommiserarsi e ripetere le esclamazioni come una litania: ci fa male.

A dirla tutta, ripetere le famose frasi-trappola

  • perchè proprio a me?”
  • va sempre male
  • sono sempre inadeguata
  • sono sempre sfortunata

suggestionano il nostro cervello. Ci riportano a rivivere la situazione negativa.

Più ci piangiamo addosso e più capita di ritrovarci in quelle situazioni.

La ricerca negli ultimi anni ha evidenziato come esista una funzione del cervello che gli consente di modificarsi di continuo rispondendo agli stimoli cognitivi, comprese le parole che utilizziamo o che ascoltiamo: si tratta della neuroplasticità.

Gli studi effettuati mostrano come il cervello sia in grado di generare cellule nuove e avviare nuovi tratti neuronali durante tutto il corso della nostra vita. Viene così sconfessata l’idea che al raggiungimento dell’età matura la struttura celebrale non si evolvesse più.

Si può quindi “modellare” la propria struttura celebrale attraverso il modo di ragionare, cosa che riverbera nei comportamenti e nelle azioni, influendo sulla nostra quotidianità, molte volte in modo inconsapevole. Vai all’articolo che ti aiuta  a capire perchè fa male lamentarsi…

CONDIVIDI:

Scilla di Massa è naturopata professionista iscritta alla FNNHP (Federazione nazionale naturopati heilpraktiker professionisti). Da oltre 25 anni si dedica al benessere e alla ricerca di rimedi naturali e di tecniche spirituali che aiutino a ristabilire e a mantenere l'equilibrio psicofisico. In particolare si è dedicata alla floriterapia. Il suo libro CURARSI CON I FIORI DI BACH è stato uno dei primi su questo tema ad essere pubblicato in Italia, nel 1991, dalle edizioni Red. Tra i suoi libri più noti: Prevenire e curare l’osteoporosi Curarsi da soli con i fiori di Bach, Gli antiossidanti per la bellezza e la salute . Svolge l ‘attività di naturopata professionista nel suo studio al centro di Milano e attraverso la consulenza online. Scilla è nata a Capri (Napoli) e vive tra Londra e Milano.

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
SEGUICI SU INSTAGRAM